Archivio per dicembre 2012

Agenda Monti: la pietra tombale sul cambiamento e il lumicino senza erede

Venerdì 21 dicembre scrissi che Mario Monti e Silvio Berlusconi e sono l’esatto opposto e sotto lo stesso tetto proprio non ci possono stare: tecnocrate e grigio il primo, demagogo e populista il secondo, difetti acuiti dal duomo rottogli in testa tre anni fa. Leggi il seguito di questo post »

3 commenti

Berlusconi e Monti mai sotto lo stesso tetto

Nel suo libro sulla Storia d’Italia dal Risorgimento ai giorni nostri, Sergio Romano sostiene che, sin dall’inizio della nostra storia patria, si è assistito a una sorta di sdoppiamento dell’ideologia risorgimentale e alla nascita, in seno alla classe dirigente, di due partiti: quello del ferro e del fuoco e quello “gradualista”, entrambi trasversali a destra e sinistra. Leggi il seguito di questo post »

3 commenti

Il bilancio del Governo Monti in un paese di sepolcri imbiancati

Venerdì 7 Mario Monti ha annunciato le sue dimissioni e anche per lui è tempo di bilanci. Nonostante il conformismo dilagante e i peana di corrieristi e repubbliconi, il governo dei professori si è rivelato un autentico fallimento, non meno di quelli che l’hanno preceduto. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Re Silvio ci prova per la sesta volta, ma ne uscirà con le ossa rotte

Al famoso scrittore Stephen King, quello che ha scritto, tra gli altri, il romanzo horror dal titolo A volte ritornano, Silvio Berlusconi fa proprio un baffo. Altro che a volte; quello di Berlusconi è un eterno ritorno. Leggi il seguito di questo post »

1 Commento

Ecco perché l’Italia sta scivolando verso il totalitarismo

Il caso Sallusti, l’azzeramento delle giunte regionali chiave di Lazio e Lombardia con contemporanee assoluzioni per Vasco Errani e Nichi Vendola, l’annichilimento del ceto medio da parte del governo Monti, condito con intermezzo anti-israeliano, e la vittoria di Pierluigi Bersani alle primarie del Pd, sono tutti eventi che spingono l’Italia verso una deriva totalitaria. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento