Lega: chi si oppone alle riforme danneggia anche lo Stato

Per l’ennesima volta la BCE ci ha raccomandato di mettere in atto misure per la crescita. Liberalizzazioni, privatizzazioni e aumento dell’età pensionabile, misura che consentirebbe un risparmio allo Stato immediato e certo.

Insomma una di quelle misure che i mercati apprezzano e che darebbe un segnale di serietà da parte del paese, soprattutto se si pensa che le pensioni costituiscono la voce di spesa pubblica improduttiva per antonomasia. Infatti, chi va presto in pensione costa all’Inps (maggior spesa pubblica), non lavora (meno contributi versati e minori entrate per lo Stato) o, se lavora, lo fa in nero (ulteriori minori entrate per lo Stato) e porta via lavoro ai più giovani, sui cui mancati stipendi, non si pagano contributi (ulteriori minori entrate per lo Stato). Anche per quanto concerne liberalizzazioni e privatizzazioni, maggior concorrenza e minor peso della burocrazia creerebbero maggior sviluppo, e con esso un aumento della base imponibile su cui si calcolano le imposte, il che comporterebbe maggiori entrate per lo Stato.

Insomma, chi si oppone a queste misure fa spendere di più e incassare meno allo Stato, il che significa peggiori conti pubblici e impossibilità di ridurre le imposte che gravano sui cittadini. Eppure, chi si oppone a tutto questo a nome e colore: il colore è il verde e il nome del partito è Lega Nord. Sì, il partito nato per dare voce al nord contro Roma ladrona, che all’interno della maggioranza di centrodestra costituisce, assieme al Ministro dell’Economia Giulio Tremonti, il baluardo a difesa del parassitismo pubblico, statale e locale, e degli interessi costituiti delle varie corporazioni. Quel che sorprende (ma non tanto, in realtà), è il sostanziale silenzio della stampa d’opposizione nei confronti della Lega. Da tempo Berlusconi viene accusato (e giustamente!) dai quotidiani più vicini all’opposizione, per non parlare della stampa estera, di non essere riuscito a fare la rivoluzione liberale tante volte promessa. Certo, qui non si tratta di negare le responsabilità di Berlusconi, ma onestà vorrebbe che sul banco degli imputati per la mancata realizzazione delle riforme promesse finiscano i maggiori colpevoli, ossia Giulio Tremonti e la Lega. Soprattutto questa estate, quando i mercati pestavano e la Bce ci intimava (giustamente) di prendere le misure necessarie per mettere a posto i nostri conti, in primis l’aumento dell’età pensionabile.

I nostri maggiori quotidiani nazionali di proprietà di grandi industriali e banchieri (insomma, dei poteri forti), responsabili e inclini a battersi per gli interessi del paese come dicono di essere, non hanno mai fatto campagne contro l’irresponsabilità mostrata dal partito di Bossi. Eppure, di motivi per farlo ce ne erano a bizzeffe. Forse (sic!), perché alla fin fine Bossi e la Lega fanno parte della casta politica tradizionale con cui i grandi industriali sono stati abituati a trattare nella prima repubblica, come ai tempi di Buonanima; mentre, invece, il Cavaliere viene percepito come uno che scompagina i piani, benché nei quasi 10 anni in cui ha governato non mi sembra che abbia pestato i piedi a loro signori, se non altro perché impegnato a far da badante a coalizioni alquanto litigiose e a respingere assalti gli di una magistratura particolarmente attenta nei suoi confronti.

La Lega è un partito rozzo e incolto che fa aggio sulla rabbia e sulle paure di un nord est da sempre privo di una rappresentanza in grado di far valere le istanze dei suoi cittadini. Rabbia che la stessa Lega alimenta a parole inveendo contro Roma ladrona, salvo comportarsi nei fatti come il più romano dei partiti, con tanto di nepotismo (Renzo Bossi docet) e difesa della burocrazia, soprattutto a livello locale. Federalista a parole e statalista nei fatti, becera e ignorante, la Lega è da tempo il partito a cui hanno dato fiducia le zone più dinamiche del paese e questo deve far riflettere e preoccupare. Evidentemente, non è un caso che presso i ceti produttivi l’ignoranza paghi, mentre le principali élites culturali e tecnocratiche del paese si sono votate anima e corpo alla causa della casta politica e di un centrosinistra che si erge a difesa della burocrazia pubblica parassitaria e della grande industria assistita. Èlites culturali e ceti produttivi del paese sono due mondi paralleli del tutto incapaci di intendersi e che nutrono un forte disprezzo l’uno per l’altro. E la Lega è una delle conseguenze più nefaste di questa totale mancanza di comprensione.

 

(La Voce di Romagna, 23/10/2011)

Annunci
  1. #1 di Lionello Ruggieri il ottobre 23, 2011 - 10:52 am

    Un’ottima soluzione sarebbe quella di sopprimere tutti qquelli in età di pensione o di falri lavorare sino a 90 anni (meglio 95)

  2. #2 di Renzo Riva il ottobre 24, 2011 - 9:34 pm

    Inviato come lettera al Messaggero Veneto di Udine
    il 19 Ottobre ed ancora non pubblicato.
    Il debito pubblico allargato viene anche dai comuni che poi lamentano non avere mezzi sufficienti.

    Largo ai vecchi
    se i giovani sono questi

    Riprendo quanto scritto dalla Signora Susanna Spannagel Tacchino, sulla sua lettera del giorno 19 c.m. al Messaggero Veneto, dicendo che a Buja ci sono due centro-sinistra: uno in maggioranza (siglato PdL e dedito alla spesa pubblica improduttiva) e l’altro all’opposizione (siglato PD).
    L’attuale sindaco facente funzioni dott. Bergagna fa una politica energetica che neppure i Verdastri più verdognoli saprebbero fare.
    Con Marcuzzo sindaco e l’allora vice Bergagna hanno messo le mani in tasca ai bujesi e “scippato” oltre 200.000 Euri per tre impianti fot(t)ovoltaici, speso 29.000 Euri dei bujesi per uno studio di (non)fattibilità di un impianto biogas a deiezioni bovine e porcine, ed ora Bergagna commissiona un impianto geotermico per, a suo dire, la biblioteca comunale.
    Se vedete solo la costruzione vi mettereste le mani nei capelli; la classe energetica dello stesso edificio è la più infima possibile per non dire dell’incipiente sgretolamento (non ha neppure vent’anni).
    Purtroppo la mediocrità non è solo appannaggio della sinistra.
    Farò tutto quanto in mio potere per mandare all’opposizione
    i due centro-sinistra bujesi.
    L’atteso rinnovamento dei giovani eletti nel 2002 è miseramente franato nel vizio che si credeva solo appannaggio dei vecchi marpioni.
    Leggasi pure vicenda CIPAF.
    In particolare persone informate dicono che due impianti fotovoltaici
    su tre, installati su edifici comunali, erano inefficienti e non hanno prodotto, dal mese di aprile al mese di settembre, nemmeno l’energia elettrica corrispondente ad 1 Wh
    a causa dei guasti agli armadi inverter.
    Ora presente non si sa se siano stati riparati, o sostituiti, e resi operativi.
    A qualcuno cominciano a girare le pale eoliche.
    Ai consiglieri ed al sindaco di Buja dico: Andate a farvi benedire che ne avete bisogno.
    Il Monsignore lo avete lì vicino; penso però non basti a salvarvi.

    Mandi,
    Renzo Riva
    C.I.R.N. F-VG – Comitato Italiano Rilancio Nucleare
    e
    P.L.I. F-VG – Energia e Ambiente
    renzoslabar@yahoo.it
    http://renzoslabar.blogspot.com/
    +39.349.3464656
    .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: