Archivio per maggio 2011

Non ha perso solo Berlusconi, ma un’intera parte del paese

Come previsto, i risultati del secondo turno di Milano e Napoli hanno confermato quelli del primo dando la vittoria a Giuliano Pisapia e Luigi De Magistris. Per il centrodestra e Silvio Berlusconi la batosta è grossa, e probabilmente decisiva. La sensazione è che manchino solo i titoli di coda. Leggi il seguito di questo post »

1 Commento

Il dopo Berlusconi: addio al bipolarismo, torneranno i “giochini” del proporzionale

Dalle agenzie di martedì 24 maggio apprendiamo che Umberto Bossi (o chi per lui) si è detto favorevole al ritorno del proporzionale. Questa è una notizia che mi aspettavo, poiché coerente con l’evoluzione del quadro politico degli ultimi tempi. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Voto a Bologna: cronaca di un disastro annunciato nella roccaforte catto-comunista

Cronaca di un disastro annunciato. Sulla Voce del 3 aprile avevo elencato gli errori commessi dal centrodestra a Bologna. Aggiungiamoci l’effetto traino causato dagli errori di Berlusconi in quel di Milano, ed ecco che la replica di quanto accadde due anni fa si è trasformata addirittura in una vittoria del centrosinistra al primo turno, nonostante l’exploit dei grillini e la debolezza di Merola. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Da Milano un segnale chiaro per il Governo

Nella storia d’Italia Milano è sempre stata la città da cui sono partiti i cambiamenti politico-sociali che hanno impresso la direzione modernizzatrice al paese. A Milano nacquero il fascismo e l’antifascismo, nel secondo dopoguerra fu la volta del socialismo, dapprima operaista con sindaci come Aldo Aniasi e poi riformista negli anni Ottanta con la Milano da bere. Infine, sempre all’onda della Madunina ci furono Mani Pulite, la prima affermazione importante della Lega con Formentini e, buon ultimo, Silvio Berlusconi. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Siamo alla fiera degli insulti perché manca una cultura liberale

Giovedì sera, ad Anno Zero, Daniela Santanché ha apostrofato, alla sua maniera spesso eccessiva, il vignettista della trasmissione Vauro, colpevole di essersi prestato a disegnare la colomba della pace sulla bandiera di Freedom Flottiglia, l’ong di Stefano Arrigoni, l’attivista politico anti-israeliano ucciso a Gaza da quei palestinesi su cui aveva (mal) riposto la sua fiducia. Leggi il seguito di questo post »

2 commenti

Alla prova delle urne il nodo magistratura

Le elezioni amministrative che si terranno tra una settimana hanno una forte valenza politica, perché si vota per il sindaco a Milano, capitale politica e culturale del centrodestra, e a Bologna, capitale politica e culturale del centrosinistra. Ma quel che salta agli occhi è che mai come questa volta la guerra tra Berlusconi e la magistratura ha fatto capolino nel dibattito elettorale. Leggi il seguito di questo post »

1 Commento

Bin Laden e il doppio gioco pakistano

Talvolta, essere buoni cristiani è esercizio problematico e difficoltoso. Il Vaticano ci ha ammonito a non esultare per l’uccisione di Osama bin Laden, ma chi, in cuor suo, non ha esultato almeno un pochino per la dipartita dello sceicco del terrore? Forse, comunisti, fascisti, anti-americani, antisemiti e complottisti di ogni risma, ma quelli tifavano per lui. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento