Archivio per luglio 2010

Rottura Pdl: entrambi sbagliano, nessuno dei due ha ragione

In una lite ci sono tre possibilità: o c’è una parte che ha ragione e una che ha torto, e la soluzione sta nel prendere le parti della prima; oppure, quello in cui entrambe hanno ragioni da rivendicare (es. israeliani e palestinesi), che è il caso più difficile, perché urge trovare una soluzione che vada bene a entrambe. Infine, quello in cui entrambe hanno torto, e in questo caso la soluzione è quella più facile: mandare entrambi al diavolo e lasciare che si azzuffino. E questo è il caso della querelle tra Berlusconi e Fini. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Tagliare le spese e abbassare le tasse è una scelta etica

L’analisi economica dei fatti è uno degli esercizi più scomodi, soprattutto in Italia, vuoi per l’idiosincrasia del Bel Paese verso i numeri, vuoi perché l’economia è una disciplina a suo modo “cattiva”. Le sue leggi (quelle della domanda e dell’offerta) esistono in natura a prescindere dalla volontà umana e questo fa sì che chi analizza i fatti in base ad esse, finisca spesso per passare per cattivo. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Il “trucco” trentennale che c’è dietro alla manovra

Non ci sarà un’altra manovra nel corso del 2010, ha detto ieri l’altro il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Speriamo. In ogni modo, il 14 luglio, nel corso di un intervento a Palazzo Madama, il Presidente della Commissione Finanze del Senato Mario Baldassarri ha affermato cose che sono colpevolmente passate sotto silenzio. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

I pericoli non vengono dalle piazze ma dall’establishment

Da un po’ di tempo a questa parte Giampaolo Pansa, dalle colonne di Libero, scrive articoli preoccupati per il riproporsi, oggi delle stesse condizioni che determinarono le violenze degli anni Settanta. Certo, il clima è da tempo pesante, ma le condizioni per una protesta di massa a sfondo rivoluzionario, secondo me, non ci sono. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Italia senza cultura sportiva

Come da pronostico, la Spagna si è aggiudicata la finale contro l’Olanda. Più squadra, si è aggiudicata finale e mondiali con pieno merito, rispetto a un’Olanda che ha vissuto tutto il mondiale sulle individualità straordinarie di Sneijder e Robben; infatti, appena quest’ultimo ha toppato sbagliando un goal in contropiede, per l’Olanda è stata notte fonda. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Se Rimini piange, Bologna fa altrettanto

Nelle ultime settimane, Rimini sta vivendo momenti particolarmente difficili, con tante vicende assai poco edificanti, come quella relativa al Palacongressi, i cui costi sono inopinatamente lievitati in corso d’opera, per non parlare del tracollo dello sport riminese, o delle difficoltà in cui si sta imbattendo la Scm, ossia l’azienda più grossa e importante della provincia. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Incapaci di uscire dalla logica di “Mani pulite”

La vicenda legata alle intercettazioni di questi giorni illustra bene il degrado della politica italiana. Una legge assurda che non risolve il problema della privacy e fa ricadere le responsabilità delle fughe di notizie sulla stampa e non sulle procure, unici uffici, in Italia, per i quali il principio della responsabilità oggettiva è del tutto assente. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento