Briatore e Israele: i simboli del male per i nuovi giacobini

Hai paura dell’aereo? Prendi la nave che è più sicura, specie in un mare come il Mediterraneo, che è più simile a un grande lago che non a un oceano. Invece, nell’ultima settimana, per le navi nel Mediterraneo ha buttato davvero male, soprattutto nel caso che ha coinvolto Flavio Briatore e in quello, ben più tragico, che ha coinvolto pacifinti e pacifondai nel tratto di mare davanti a Gaza.

Oltre alla navigazione nel Mediterraneo, quel che ha accomunato le due vicende è l’idiozia antifascista e statalista che sembra ormai irrimediabilmente permeare l’Europa. Riguardo a Briatore, la sua nave stava entrando nel porto di La Spezia, quando è stata abbordata in diretta davanti a tanto di telecamere da una nutrita pattuglia di finanzieri. Del resto, il pericolo rappresentato da Elisabetta Gregoraci in Briatore e dal suo bambino appena nato richiedeva di sicuro un tale spiegamento di forze, come no. Tanto più che la nave stava già andando in porto. E che dire dello spiegamento di telecamere, in stile reality? Briatore, il quale già negli anni passati è stato passato in rassegna senza esito dalle fiamme gialle, è stato accusato di evadere le tasse e le accise sulla benzina, poiché con la scusa di affittarla ai ricchi del mondo avrebbe gabbato il fisco. Briatore, nel corso di della trasmissione televisiva Matrix di venerdì 28 maggio ha domandato se era necessario fare un abbordaggio in diretta come se fosse un reality show, poiché la nave non stava scappando. Inoltre, ha mostrato le carte che attesterebbero le sue ragioni sostenendo che se ha sbagliato pagherà quel che c’è da pagare e che l’importante è fare in fretta, perché quello yacht è un’azienda, c’è gente che ci lavora e aspetta uno stipendio, e tenerla ferma non conviene a nessuno. Puro buon senso, direte voi. Ma evidentemente non è così per tutti.

Il comportamento tenuto dalla guardia di finanza è discutibile, sia per lo zelo del tutto fuori luogo, sia per la demagogia subdola che sottende alla sua azione, volta a lisciare il pelo all’invidia popolare. Tempo fa ho avuto modo di vedere che un imprenditore (non Briatore) in un anno ha avuto un imponibile di circa 500 milioni € (beato lui, di ‘sti tempi!). Gliene sono rimasti circa 110. Ciò vuol dire che il fisco gli ha mangiato il 78% del suo reddito. La maggior parte delle persone penserà giustamente che anche con 110 milioni € è un bel vivere. Infatti, questo imprenditore non vedrà intaccato più di tanto il suo tenore di vita, ma se facciamo un calcolo e poniamo che egli venga tassato per il 30% (150 milioni €), gli rimarrebbero in tasca 350 milioni € invece di 110. Poiché sappiamo che, a certi livelli di reddito, gran parte di esso viene investito, la differenza tra il 350 milioni € e i 110 milioni € (ossia 240 milioni €) andrebbero investiti e questo significherebbe posti di lavoro in più per decine di persone, con benefici tangibili per decine di famiglie. Eppure, l’italiano medio, invidioso ed economicamente ignorante, preferisce vedere il riccone scorticato a vantaggio di una casta politica di ladri e incompetenti di cui si lamenta, ma alla quale vuol continuare a delegare quanto più potere possibile, perché in cuor suo l’imprenditore è cattivo perché persegue il profitto, diversamente dal politico che pensa al bene comune.

E se non sorprende vedere la sinistra aizzare l’odio e l’invidia contro queste persone (specie se non sono di sinistra come Briatore), non può che far male vedere lo stesso atteggiamento da parte della Chiesa e dell’attuale maggioranza. La prima dovrebbe ricordare a molti sacerdoti che il messaggio cristiano predica l’aiuto ai poveri, non l’odio verso i ricchi. Invece, da molti pulpiti vengono parole d’odio indiscriminato contro chi crea ricchezza, il che finisce solo per favorire il dilagare della povertà e dell’ingiustizia. E che dire delle reti Mediaset, i cui telegiornali ci informano continuamente di grandi evasori scoperti, mostrando sempre i casi più odiosi come, ad esempio, persone milionarie che, fingendosi nullatenenti, usufruiscono di prestazioni sociali gratuite? Casi indubbiamente odiosi e da punire severamente, ma perché nessuno ci informa mai su quei casi in cui, dopo settimane di ispezione, il finanziere di turno si rivolge all’imprenditore in modo arrogante contestandogli le cose più assurde adducendo che non può permettersi di tornare a mani vuote dopo parecchie settimane di ispezione?

Riguardo a quanto accaduto davanti a Gaza, invece, le cose sono in divenire e le informazioni sono ancora da prendere con beneficio di inventario. In ogni modo, la fatwa antifascista verso Israele è già stata lanciata. Probabilmente, qualche errore da parte di Israele c’è stato, eppure, l’Ihh, l’ente turco che ha organizzato la missione, è vicino ad Hamas, movimento che un tempo l’antifascista Europa aveva messo tra le organizzazioni terroristiche. Se lo scopo della missione era quello di far pervenire beni di prima necessità agli abitanti di Gaza, perché i passeggeri della nave hanno aggredito i militari israeliani? Inoltre, il fatto che in Europa si sia estirpata la guerra rendendola un tabù, impedisce a molti di aver familiarità con i contesti bellici, nei quali è normale che al primo accenno di aggressione fischino le pallottole. Insomma, facendo le debite proporzioni, Briatore e Israele sono due simboli del male per la sinistra giacobina europea; sia l’uno che l’altro possono essere incorsi in un errore. Nell’uno e nell’altro caso, un errore accolto con gioia da chi vorrebbe vedere entrambi sprofondare all’inferno.

 

(La Voce di Romagna, 2/6/2010)

Annunci
  1. #1 di TOMMY il giugno 2, 2010 - 9:15 am

    PENSAVO (STULTUM EST DICERE PUTABAM)CHE CI FOSSE QUALCHE PERSONA COLTA A DESTRA …MA STULTUM SUM…CHE CI VOLETE FARE…LA VIOLENZA CHE PERMEA LA DESTRA DI TUTTO IL NOSTRO PIANETA …GUARDARE L’AMORE CHE PERMEA IL SIG BERLUSCONI…O IL SIG LA RUSSA A CUI NON SI POSSONO TOCCARE I SOLDATINI SENNO’ COME GIOCA…L’AMORE CHE PERMEA IL SIG BONDI(VERSO b.) E L’AMORE DELLA DESTRA UNA VOLTA ANTIEBREA TANTO DA MANDARLI NEI FORNI (NON CERTO A FARLI RISCALDARE)..SIAMO SERI…SE MANCA L’ISTRUZIONE LA CULTURA… ALMENO LA SERIETA’ ..EH…

  2. #2 di paoloest il giugno 2, 2010 - 9:18 am

    Sono d’accordo con l’articolista.La Guardia di Finanza usa fare queste sceneggiate! Vi racconto : Stesse modalità di irruzione nell’ambiente (bar,spuntineria) di mia cugina in Tarvisio.Mitra spianati,casa circondata. Mia cugina spaventata con le sue tre figlie piccoline che piangevano e si aggrappavano alla sua gonna. Risultato: ispezione alla contabilità per verbalizzare la possibile non inerenza di alcune modeste spese all’attività di impresa. Ricorso: vinto da mio cugino! Spesso la G.di F. agisce come i terroristi.Ve lo dico io che ho fatto per oltre 30 anni il giudice tributario.

    • #3 di Leonardo Facco il giugno 2, 2010 - 8:31 pm

      Spettabile Paoloest, complimenti!
      la sua storia è ccezionale per la sua emblematicità. Io, che sono l’amministratore del Movimento Libertario, mi batto con forza contro questi comportamenti e, in sè, contro l fiscaltà da rapina dello Stato italiano!

  3. #4 di doubledragon2007@libero.it il giugno 3, 2010 - 9:38 am

    guarda che io ho lavorato sugli yacht qualche anno e un po le ho viste..
    xche secondo te tanti jacht sono bandiere estere, per divertimento?Cosi non pagano tasse,contributi,pensione eccetera in pratica sei al nero..fatti un giro a porto cervo se ti capita e contale un po’ e paragona le bandiere italiane e quelle estere..
    tanti jacht sono charter e lo usa una sola famiglia per tutta l’ estate..basta intestare lo jacht a societa delle cayman fittizia e se la godono alle spese di te che paghi le tasse,inoltre non pagano le tasse sulla benzina,un classico ; altrimenti intestare al comandante un conto corrente per le spese cosi’ risulta lui a comprare la roba per la barca… questa e la verita caro mio io le ho visto in 1a persona..
    saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: