Archivio per agosto 2008

Cremaschi: un mix di calcolo e furore ideologico

A volte ci si chiede cos’è che spinge certe persone a ragionare in modo così assurdo come è accaduto con l’invito al boicottaggio lanciato dal sindacalista della FIOM-CGIL Giorgio Cremaschi dalle colonne di Liberazione. Ci si chiede cosa si vuole ottenere, quali siano gli scopi scientemente e realmente perseguiti con una determinata azione o dichiarazione. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Il governo va grazie agli ex-socialisti

Sul Sole 24 Ore di martedì 19 agosto, Stefano Micossi ha elencato nel suo editoriale quanto ha fatto di buono il governo nei suoi primi 100 giorni. Naturalmente non ha taciuto sul fatto che tanto ancora resta da fare, ma il succo era che motivi per essere moderatamente ottimisti non mancano. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Quelle battaglie che il centrodestra non può permettersi di perdere

Ogni qualvolta un governo prova a prendere misure contro la criminalità, i conati della peggior retorica cattocomunista riecheggiano in tutta la loro malafede. Se ci si azzarda dar voce allo sdegno della popolazione nei confronti degli zingari, ecco l’immancabile riferimento a Hitler, come se essere stati vittime del fuhrer dia diritto a violare sistematicamente la legge. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Non sempre le buone intenzioni danno buoni risultati

La decisione di Giulio Tremonti di blindare la legge finanziaria per i prossimi tre anni è stata accolta pressoché unanimemente in modo favorevole. L’esigenza di mettere i conti pubblici evitando gli assalti alla diligenza è forte e altrettanto lo è la consapevolezza del tempo perso sulla via del risanamento e delle riforme. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Dove vive la menzogna non alberga l’onestà

Ogni nazione ha i propri miti fondanti e l’Italia non fa eccezione. Ogni mito, si sa, contiene elementi di verità e di leggenda, ma i nostri sembrano davvero leggendari in tutto e per tutto, se si pensa che molti episodi della resistenza, e persino del risorgimento, sono a tutt’oggi coperti dal segreto di Stato. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento