Archivio per febbraio 2008

Il governissimo può essere utile al paese

Nei giorni scorsi è montata la polemica sull’ipotesi di governissimo ventilata da Silvio Berlusconi in caso di sostanziale pareggio al Senato. Ipotesi dietro la quale è stato visto un desiderio da parte del leader del Popolo della Libertà, benché quest’ultimo abbia smentito tale intento. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Lascia un commento

Il latte acido del culto dell’antifascismo

A 40 anni dal ’68 le analisi sulle conseguenze più o meno nefaste di quel fatidico anno ormai si sprecano. Ciò di cui però si evita di parlare sono le cause di quel clima di ribellione e di contestazione radicale alla civiltà occidentale. Valori, come famiglia, cristianesimo e libero mercato furono messi sotto processo e senza neppure uno straccio di avvocato. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Per l’economia serve una cura da cavallo

Come in ogni campagna elettorale che si rispetti, gli argomenti scomodi vengono sistematicamente scansati. L’Italia se la passa male, il Governo Prodi ha lasciato macerie, ma i mali del paese hanno origini antiche ed è bene che l’atavico vizio italico di imprecare su di chi ha governato in passato lasci il posto a una visione improntata al futuro. Insomma, più che un inventario delle colpe occorre un elenco dei rimedi. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Il politicamente corretto uccide il mondo libero

È ancora fresco lo sconcerto per le parole pronunciate la settimana scorsa da parte dell’Arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, che ha affermato che “pare inevitabile” l’adozione di parti della sharia nel sistema legislativo britannico. L’alto prelato ha inoltre affermato che “Ci sono modi di guardare alle dispute matrimoniali che prevedono un’alternativa al divorzio come lo conosciamo noi”, precisando che bisogna guardare alla sharia “con un occhio più attento” e “non semplicemente associarla alle pratiche, usate in alcuni paesi islamici, come le punizioni estreme o l’atteggiamento negativo nei confronti delle donne”. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Berlusconi a colori, Casini in bianco e nero

Davvero Silvio Berlusconi sembra dare il meglio di sé in campagna elettorale. Come non ricordare l’impressionante rimonta del 2006 in mezzo al triste spettacolo di una Cdl ormai rassegnata alla sconfitta? Anche in questa campagna elettorale il Cavaliere ci sta regalando colpi di scena a non finire, e se due anni fa non volle rassegnarsi alla sconfitta, oggi non vuole rassegnarsi a lasciare a Walter Veltroni lo scettro di re dell’innovazione politica. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

I terroristi come i nazisti

In questi giorni nei quali la crisi di governo sta occupato la scena, gli orrori come quello andato in onda a Baghdad venerdì 1 febbraio ci arrivano con una eco flebile e passeggera, di quelle che il vento si porta via nella più totale indifferenza. L’ennesimo attentato suicida che ha lasciato su un mercato della capitale irachena ben 91 cadaveri, senza contare i feriti gravi. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento