Archivio per gennaio 2008

Il panico di un regime allo sfascio

Nulla da fare. Non capiscono. Terminato il giro di consultazioni del Presidente Giorgio Napolitano è emerso che il centrodestra (UDC inclusa) è compatto per un ritorno immediato alle urne, e lo stesso vale per parte del centrosinistra. E visto che i numeri per un nuovo governo non ci sono, verrà incaricato qualcuno per provare a formarne uno. Come dire, appurato che fuori ci sono 40 gradi, tiriamo fuori dall’armadio maglioni di lana e piumino. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Un governo nato dall’odio e finito tra le macerie

Muoia Veltroni con tutti i filistei! Questo sembra essere il lascito politico di Romano Prodi all’indomani della sua caduta. Dopo di me il diluvio. Le macerie come viatico da cui ripartire. Non c’è che dire, in questi due anni Prodi ha fatto veramente di tutto per scontentare chiunque, spesso per i fini meno nobili, e la rissa di giovedì in senato altro non è che la logica conclusione dell’interregno del professore. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

La parabola del prodismo (Angelo Panebianco, Corriere della Sera)

Nonostante nella giornata di ieri Romano Prodi si sia mostrato assai accondiscendente nei confronti di Walter Veltroni è illusorio credere che ora, dopo la caduta, il «prodismo» sia destinato a una immediata scomparsa, ad andarsene subito, in silenzio. E’ stato troppo importante per la sinistra italiana: verosimilmente, la sua uscita di scena sarà lenta, accompagnata da potenti colpi di coda. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Locke yes, Rousseau no

Il Novecento è stato definito da Eric J. Hobsbawn il secolo breve. Sarà, ma a me sembra talmente lungo che non mi sono neanche accorto che è terminato. Oltre al dominio dell’Occidente, altri due aspetti lo hanno caratterizzato: l’irruzione delle masse nel gioco politico e due guerre mondiali combattutesi nella prima metà del secolo. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

L’Italia arcaica va in onda nella soap opera Mastelliful

Le soap opera familiari hanno sempre riscosso un certo successo in Italia. Ricordiamo Dallas e Dynasty negli anni ’80, Beautiful dagli anni ’90 in poi e via via tante altre ancora. Purtroppo, come cantava Renato Carosone, a noi italiani piace fa’ l’americano, con risultati spesso comici, come Alberto Sordi in Un americano a Roma, commedia esilarante e grottesca ma dalla morale non certo lontana dalla realtà. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Quei 67 professorucoli hanno soltanto paura

Dopo aver toccato vette di stupidità e mala fede davvero inusitate, la polemica montata da 67 professorucoli del dipartimento di fisica della Sapienza di Roma ha raggiunto il suo scopo, ossia quello di impedire lo svolgimento della Lectio Magistralis che Papa Benedetto XVI avrebbe dovuto tenere per l’inaugurazione dell’anno accademico 2008. Se la povertà di argomentazioni espressa da quel coacervo di burocrati della cattedra è il pensiero delle nostre élites accademiche, allora il quadro è davvero sconcertante.  Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Bassi salari: le risposte peggiorano la crisi

Venerdì hanno sfilato tute blu un po’ in tutta Italia. Purtroppo per loro, però, il caso rifiuti sta occupando la scena e la loro protesta è finita in secondo piano. Potenza della società della comunicazione: o sei in primo piano o sei out. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento