Archivio per agosto 2007

Volevano distruggere i “borghesi”. Ora difendono il trogolo della casta

Nel dibattito di questi giorni relativo al fisco è comparso il più fastidioso bacchettonismo tipico del centrosinistra, questa volta senza divisioni tra l’ala radicale e quella banchiera. Facce austere e saccenti si sono scagliate contro chi ha osato far notare che gli aumenti di gettito sono il frutto occasionale di maggiori imposte e, soprattutto, di un miglioramento economico dell’Eurozona, in particolare della Germania, paese da cui notoriamente dipendono le fortune di una parte consistente del nostro export. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Dare a Cesare quel che è di Cesare? Attenti ai “buoni” e ai “tassatori” che fregano sempre i più poveri

Le parole pronunciate domenica dal Cardinale Taricisio Bertone al Meeting di Cl hanno suscitato polemiche a non finire. Certo, il fatto che un membro delle alte gerarchie vaticane si pronunci su un argomento come le tasse, di cui si sanno le conseguenze polemiche, fa senz’altro pensare. Quale messaggio avrà voluto lanciare la Chiesa? E verso quale destinatario? Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

“Le lucciole, un refolo di speranza”

Tornano le lucciole! E chi se le trova sotto casa, o sul tragitto di casa giustamente sbraita. Perché proprio sotto casa mia? Perché la fila dei clienti me la devo sorbire proprio io? Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

I frutti avvelenati dell’era Greenspan

La giornata di giovedì ha visto le borse di tutto il mondo registrare perdite superiori all’1% (eccetto il Giappone che ha visto l’indice Nikkei perdere lo 0,83%) del listino, con le borse europee che hanno lasciato sul terreno qualcosa come oltre 160 miliardi. E ieri i miliardi persi sono stati 268. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Uno scritto profetico sulla vera natura delle Coop

Maffeo Pantaleoni fu uno dei più grandi economisti italiani. Nato a Frascati il 2 luglio 1857, morì a Milano il 29 ottobre 1924, venne eletto deputato nel 1900 e fu nominato senatore nel 1923 e a chi gli domandò a quale scuola economica appartenesse rispose che gli economisti si suddividono in due scuole: quelli che l’economia la sanno e quelli che non la sanno. Indubbiamente, lui fu tra quelli che la sapeva. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

L’aberrante concezione di libertà di Prodi & C.

Non sapendo più che pesci pigliare Romano Prodi si raccomanda al Buon Dio e a Santa Madre Chiesa, lamentando il fatto che nelle omelie dei prelati difetti il monito ai fedeli a non evadere il fisco. Rimanendo in famiglia, in un’intervista rilasciata a caldo dopo la batosta presa dal centrosinistra alle ultime amministrative, la professoressa Flavia Franzoni, moglie del Presidente del consiglio, ha dichiarato che purtroppo la gente si ostina a non voler pagare le tasse: «i cittadini non sanno quanto costano allo Stato per l’istruzione, la sanità, le pensioni…». Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

Strage di Bologna: ventisette anni dopo giustizia rossa la trionferà

Anche quest’anno, purtroppo, il calendario prevede il due agosto, come sempre è stato e sempre sarà, almeno fino a che rimarrà in vigore il calendario cristiano. Perché purtroppo? Perché da 27 anni è il giorno che la peggior retorica antifascista dedica alla commemorazione della strage di Bologna. Strage che si vuole ad ogni costo fascista (con tanto di lapide) e per di più in combutta con servizi segreti deviati al soldo degli odiati yankee. Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento